Capodanno Benessere CroaziaStampa questa pagina

Abbinati all'offerta "Benessere Croazia"

I prezzi si intendono per persona con sistemazione e trattamento così come indicati nel dettaglio dell'offerta.

Croazia, paese di rara bellezza, fortunatamente immune, per ora, dal turismo più invadente. Sicché le sue bellezze naturali - baie, spiagge e isole remote e quelle culturali, rovine romane, città medievali, villaggi di pescatori, storiche città di pietra bianca, musei d'arte, soprattutto il suo folclore vivace e pittoresco - sono ancora tutte protette da una piacevole tranquillità.

La sua costa balneabile che è caratterizzata da spiagge di sabbia, roccia, baie e punte. Si possono trovare spiagge adatte al windsurf, spiagge per famiglie con bambini, spiagge animate per ragazzi, spiagge per naturisti o di scogli per tuffi in acque cristalline.

Andando a cercare poi, si scovano insenature nascoste per chi ama la tranquillità. Le acque del mare croato sapranno sicuramente stupirvi per essere così limpide ed incontaminate, in qualsiasi parte della costa vi troviate.

OPATIJA

Soprannominata la “perla del Quarnero”, la città di Opatija vanta una tradizione turistica secolare.
Il nome in italiano della città (Abbazia) deriva dall’abbazia benedettina di St. Jakov fondata in questa zona nel XI secolo.

Apprezzata meta turistica della nobiltà europea dalla seconda metà del XIX secolo, la città custodisce romantiche ville e alberghi in stile liberty che furono costruiti per ospitare personaggi di grande rilievo. Famosa per le camelie e le piante tropicali che custodisce nel suo parco, Villa Angiolina, lo è altrettanto per la notorietà dal suo costruttore Iginio Scarpa, patrizio fiumano ricordato nella storia delle origini di Opatija per aver scoperto il suo fascino nel lontano 1844.

Col passare del tempo questa città ha saputo mantenere il buono standard qualitativo delle strutture ricettive ed offre ai turisti numerose occasioni di divertimento e intrattenimento con concerti, spettacoli teatrali, eventi folklorici e numerosi locali.

Facebook